18 Maggio-30 Giugno 2021
Cultura, musica, natura, sport e benessere

Due mesi di appuntamenti letterari, laboratori di scrittura rap, spettacoli ed escursioni guidate
in compagnia di Guido Marangoni, Il Terzo Segreto di Satira, Kento, Munedaiko, Sabrina Schillaci, Dario Coletti, Marco Tortoioli Ricci, Andrea Margaritelli

Prove di futuro attendono i ragazzi in un mondo sconvolto e rivoluzionato dalla pandemia, occorre ritornare a incontrarsi, riappropriarsi del proprio tempo, riconquistare i propri spazi. Una sfida che Malik ETS, ideatrice del progetto Skillellé (selezionato dall’Impresa Sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile*), ha deciso di raccogliere forte di un partenariato capace di contributi efficaci e di un gruppo di testimonial capaci di nuove ed emozionanti narrazioni.

A fare da apripista del cartellone di appuntamenti pensato appositamente per far incrociare sguardi e superare fragilità, sarà Guido Marangoni, l’ingegnere-scrittore con milioni di visualizzazioni sul web e firma molto amata dai ragazzi cagliaritani. “In tutto quello che scrivo nei miei libri e racconto nei miei spettacoli, al centro c’è sempre l’incontro. È proprio per questo motivo che le attività legate ai progetti Skillellé sono per me entusiasmanti e liberanti sorprese. I libri, i social, le biblioteche, la scuola, i progetti diventano occasioni preziose per incontrarsi e riscoprirci tutti collegati in maniera molto potente”.

Sviluppare preziosi processi di inclusione, alimentando una contagiosa voglia di incontri dal vivo è la rinnovata missione di Skillellé che attraverso azioni mirate già messe in atto in questo ultimo triennio, intende continuare a immaginare il futuro che verrà, grazie alla rafforzata alleanza educativa tra scuola, famiglia, terzo settore e istituzioni. “E’ un dato di fatto: la povertà educativa col tempo si traduce in povertà sanitaria – sottolinea Luigi Minerba, professore del Dipartimento di Scienze Mediche e Sanità Pubblica dell’Università di Cagliari -. I giovani non sempre hanno un rapporto efficiente con la sanità pubblica: l’insegnamento di buone pratiche realizzato in questo progetto ha l’obiettivo di trasferire informazioni e conoscenze fondamentali sin dalla giovane età”.

Anche Carlo Carcassi, presidente del Rotary Club Cagliari sottolinea la qualità dell’esperienza partecipativa: “Da sempre portiamo avanti progetti di valorizzazione della città. Oggi, la nostra azione in sinergia col Parco di Molentargius e il Club Alpino Italiano vuole amplificare la possibilità di conoscenza e fruizione dei sentieri del Parco attraverso linguaggi e strumenti attuali, accessibili ai cittadini e ai turisti”. 

“Quanto proposto ai ragazzi ospiti di questo Istituto è una vera occasione di crescita – ha commentato Enrico Zucca, direttore dell’Istituto Penale per Minorenni di Quartucciu -. Il confronto con l’’esterno’ soprattutto in questo periodo di pandemia, dove molte iniziative si sono fermate, rappresenta un concreto segnale che infonde fiducia e speranza verso una ripresa della normalità”.

Palcoscenico ideale di molte delle attività e degli incontri saranno gli spazi all’aperto della Biblioteca di Monteclaro. Antonella Pinna, sociologa, responsabile del Centro Regionale Documentazione e Biblioteca Metropolitana Ragazzi sa bene come la promozione alla lettura sia una sfida difficilissima: “Credo nel ruolo centrale delle biblioteche quando sono capaci di fare rete tra ragazzi, famiglia e istituzioni.
I contesti di disagio sociale spesso legati alla povertà educativa trovano terreni fertili nelle biblioteche solo se queste sono concepite nel ruolo del welfare culturale, laddove le narrazioni e i materiali narrativi si propongono come strumenti alternativi di crescita”.

“Pronti per l’estate?” è il claim del programma ideato dall’associazione culturale Malik per la messa in campo di una fitta rete di attività culturali, ricreative, sportive, di innovazione sociale e cittadinanza attiva rivolte ai ragazzi tra i 14 e i 17 anni della Città Metropolitana di Cagliari: due mesi fitti di appuntamenti intenti a sviluppare preziosi processi di inclusione, alleanze educative, esperienze interattive. Un calendario pensato per i più giovani, ma che vuole coinvolgere anche le famiglie, i cittadini e tutta la comunità educante, al via martedì 18 maggio e in scena fino al 30 giugno. Un cartellone specchio del presente, capace di sedurre per la qualità delle proposte come i sorprendenti concerti dei Munedaiko acclamati in tutta Europa grazie alla potenza ipnotica del Taiko, la millennaria cultura giapponese dei tamburi; o come i laboratori di scrittura di Francesco “Kento” Carlo, rapper, attivista e scrittore di Reggio Calabria, che all’attività di musicista sovrappone quella dell’insegnamento negli istituti penali per minori e nelle comunità di recupero, tenendo laboratori di scrittura e musica per i ragazzi a rischio. Un viaggio all’insegna della molteplicità dei gusti e delle passioni da condividere finalmente tutti insieme all’aria aperta tra rassegne letterarie, gestite da ragazzi e ragazze di Skillellé, incontri con scrittori e videomaker, laboratori di scrittura rap, spettacoli musicali, giornate dedicate allo yoga, seminari di fotografia, escursioni e visite guidate.

Appuntamenti e attività completamente gratuiti che si svolgeranno a Cagliari e nei territori limitrofi, nel pieno rispetto delle direttive per il contrasto alla diffusione del Covid 19.

Gli incontri sono tutti a partecipazione libera (fino ad esaurimento posti), dietro prenotazione e segnalate sull’omonimo sito http://www.malik-skillelle.it

Scarica la Locandina programma Skillellé 2021

 

APPROFONDIMENTI

Mercoledì 23 giugno, ore 19, Kento presenta il libro “Barre – rap, sogni e segreti in un carcere minorile” (luogo ancora da definire). In collaborazione con la Libreria Edumondo.

Kento – Francesco “Kento” Carlo è un rapper e scrittore di Reggio Calabria, con all’attivo più di mille concerti in Italia e all’estero. Da più di dieci anni tiene laboratori di scrittura negli istituti penali per minorenni, scuole e comunità di recupero. Nei suoi laboratori insegna come si scrivono strofe, ritornelli, rime ‘punchline’ e stimola a incanalare nella creatività la rabbia, la frustrazione e la tentazione di fare del male agli altri e – più spesso – a se stessi. “Barre” il suo ultimo libro riflette sul classismo insito nel sistema della giustizia minorile italiana, in cui a finire in carcere spesso non sono i più colpevoli ma semplicemente gli ultimi per condizione economica, culturale e sociale. È stato premiato da ANPI – Associazione Partigiani e Casa Memoria Peppino Impastato. Il suo ultimo libro “Barre – Rap, Sogni e Segreti in un Carcere Minorile” è uscito nel 2021 per Minimum fax.

***

Giovedì 10 e venerdì 11 giugno, spettacolo dei Munedaiko. Negli stessi giorni il gruppo terrà un workshop di preparazione all’arte del Taiko (luogo da definire).

Munedaiko – Gruppo di studio composto da tre fratelli di origini italo-giapponesi: Mugen, Naomitsu e Tokinari. L’interesse per il taiko ma anche per lo hōgaku (musica tradizionale giapponese) si sviluppa fin dall’adolescenza, grazie a esperienze formative sia in Giappone che in Australia, dove praticano con i migliori Maestri. Partendo dalla tradizione, trovano una direzione propria, uno stile e un modo di esprimersi personale. Attraverso allenamento e studio, concerti e performance, incontri formativi e lezioni, il gruppo fa della diffusione della conoscenza del taiko in Italia la sua mission. L’obiettivo di Munedaiko è quello di creare attraverso l’arte e la cultura, un ambiente che possa indirizzare sulla via della ricerca e conoscenza di sé, in armonia e risonanza con l’altro. Gli strumenti e gli interessi a cui si dedica, comprendono uno studio globale delle arti che va oltre alla sola visione musicale, attraverso l’arduo allenamento del corpo, grazie a cui trovare la stabilità della mente e dello stato d’animo per approfondire lo spirito. Con questo atteggiamento nel cuore, suonano per creare un respiro comune, una vibrazione assoluta e universale, verso un mondo di pace.

***

Venerdì 11 giugno, Andrea Margaritelli (Listone Giordano) e Marco Tortoioli Ricci (presidente Aiap) presentano alla stampa il restyling della nuova sala polifunzionale dell’Istituto Penale per minorenni di Quartucciu e il pavimento realizzato assieme ai giovani detenuti della falegnameria

Marco Tortoioli Ricci – Nato a Perugia nel 1964 è presidente nazionale Aiap – Associazione nazionale design della comunicazione visiva, docente di Metodologia del progetto all’Isia di Urbino, coordinatore del biennio specialistico in brand design territoriale all’Accademia di Belle Arti di Perugia. Dal 2012 è titolare e fondatore dello studio Bcpt associati di Perugia che si occupa di design della comunicazione e branding a livello nazionale e internazionale. Nel 2003 fonda la cooperativa Co.Mo.Do (Comunicare Moltiplica i Doveri) che si occupa di design della comunicazione e innovazione sociale e con cui ha portato avanti, tra le altre iniziative, una lunga esperienza all’interno della falegnameria della casa circondariale di Spoleto.

Andrea Margaritelli – Torinese, laureato in ingegneria, affianca all’attività principale di imprenditore in seno all’azienda di famiglia, il Gruppo Margaritelli (leader mondiale nella realizzazione di superfici in legno d’alta gamma con il marchio Listone Giordano), incarichi in diverse istituzioni no-profit impegnate in campo sociale e culturale. Sensibile alle forti potenzialità di un rapporto organico tra economia e cultura, partecipa attivamente al dibattito su temi riguardanti la comunicazione d’impresa, i valori territoriali e la responsabilità sociale. Dall’aprile del 2018 ricopre la carica di presidente dell’Istituto Nazionale di Architettura, il prestigioso organismo culturale fondato nel 1959 da Bruno Zevi.

****

GLI APPUNTAMENTI CON GLI ESPERTI

Domenica 23 maggio, ore 9, Sardara, parcheggio chiesa di Santa Maria de Is Acquas: “Sardara e il castello di Monreale, storia, miti e tradizioni”

Sabato 29 maggio, ore 16, laguna di Santa Gilla, parcheggio Auchan: “Il giunco: riconoscimento, raccolta e lavorazione”

Domenica 30 maggio, ore 9, Siddi, parcheggio Sa Domu e S’Orcu: “Legando la barca del sole, astronomia culturale a Sa Domu e S’Orcu”

Sabato 5 giugno, ore 16, parcheggi Cala Mosca, Cagliari: “I colli di Cagliari prima della Città”. Escursione dedicata alla scoperta della biodiversità dei colli di Cagliari.

Domenica 6 giugno, ore 9, Samassi, Casa Pau, via Piero Gobetti 2: “Trigu a cumprendi, laboratorio sulla storia cerealicola sarda/Ladiri, architettura tradizionale nel campidano”

Sabato 19 giugno, ore 16, partenza parcheggi Auchan Santa Gilla, Cagliari: “La laguna di Santa Gilla e lo stagno di Capoterra”

Sabato 26 giugno, ore 19, ingresso Giardini Pubblici, Cagliari “La notte dei pipistrelli”

Domenica 27 giugno, ore 9, Villanovaforru, parcheggi vico Marmilla 5, “Percorsi culturali. Azienda Agricola Sa Laurera – Agricoltura storica e aridocoltura della Marmilla”

Agostino Piano – Operatore culturale esperto del territorio, si occupa di recupero e divulgazione delle tradizioni locali. Nel corso degli anni ha raccolto testimonianze dagli anziani acquisendo conoscenze ormai perdute che tramanda attraverso i suoi laboratori. Opera nel territorio Sardarese e nell’intera Marmilla al fine di recuperare e salvare forme poetiche tradizionali, terminologie, toponomastica e tradizioni. E’ socio dell’Associazione Terras e cofondatore dell’“Accademia della Catalufa Tzacarramanu” nata per la salvaguardia di una pasta fresca locale inserita nel 2017 nel Pat- Elenco nazionale dei prodotti tradizionali della Regione Sardegna. Ha promosso il progetto Folla de ‘ucaia (“salvia desoleana”), per il recupero e la messa a dimora di un’erba endemica nel sito tradizionale della Chiesa di Sant’Anastasìa di Sardara, ripristinando il culto paraliturgico del venerdì santo sul Cristo deposto.

Francesco Mascia – Esperto naturalista, consulente ed educatore ambientale vanta oltre un decennio di esperienza nel campo della ricerca botanica e zoologica ed è autore di oltre cinquanta pubblicazioni. Creatore e co-proprietario dell’Azienda Agricola Ecosostenibile Sa Laurera, grazie a cui si occupa di agricoltura storica e recupero di antiche varietà e metodi di coltivazione, lavora per tutelare i concetti di sovranità alimentare, orto diffuso, ecosostenibilità, aridocultura, biodiversità. Ha lavorato per il gruppo ornitologico sardo (Gos), il centro di conservazione della biodiversità dell’orto botanico di Cagliari, la società italiana di botanica (Sbi), l’International Association for Vegetation Science (Iavs), la Società Italiana di Ecologia e Paesaggio (Siep).

***

Da lunedì 31 maggio a venerdì 4 giugno, “I sentieri del Molentargius”: workshop di educazione all’immagine e fotografia di paesaggio guidato dal fotografo Dario Coletti e dagli esperti del Cea (Centro di educazione ambientale) Molentargius. Il laboratorio è inserito nell’ambito delle iniziative della commissione ambiente del Rotary club Cagliari rivolte alla “valorizzazione dei siti naturalistici e storici cittadini” in collaborazione con Rotaract Club Cagliari, Ente Parco Naturale Regionale Molentargius – Saline e CAI sezione di Cagliari.

Dario Coletti- Fotografo professionista e pubblicista, collabora in modo continuativo con testate giornalistiche, istituzioni e organizzazioni umanitarie italiane e internazionali. Da sempre attento alle tematiche del sociale, negli ultimi anni è approdato a una fotografia di più ampio respiro, approfondendo il rapporto tra fotografia e antropologia visiva e sperimentando altri linguaggi visivi come il film documentario e l’autoproduzione. Oggi, alla professione affianca l’insegnamento. Dopo dieci anni come vicedirettore didattico, è diventato coordinatore del Dipartimento di Fotogiornalismo dell’Istituto Superiore di Fotografia e Comunicazione Integrata (ISFCI). Il laboratorio che terrà assieme agli esperti del CEA (Centro di educazione ambientale) di Molentargius e con il supporto del CAI-Sardegna, è inserito nell’ambito delle iniziative della Commissione Ambiente del Rotary club Cagliari rivolte alla “valorizzazione dei siti naturalistici e storici cittadini”. Obiettivo generale è il tracciamento dei sentieri e la loro diffusione attraverso nuovi strumenti e linguaggi informativi, in modo da favorire la conoscenza e fruibilità e promuoverne la valorizzazione, mettendo in luce aspetti nascosti non solo per i turisti ma per tutta la popolazione dell’area.

***

Da martedì 18 maggio a martedì 29 giugno, negli spazi dell’area esterna della Biblioteca Metropolitana di Cagliari, le insegnanti Fanny Pisu e Tiziana Tronci del Centro Macrobiotico A.S.D. guideranno il ciclo di lezioni yoga dal titolo “Chiudi gli occhi e respira – Lezioni di yoga all’aria aperta”

Palestra Centro Macrobiotico A.S.D. – Il centro realizza da oltre quaranta anni attività nell’ambito delle discipline orientali, della sana e equilibrata alimentazione e del benessere in generale. Tra le finalità, lo sviluppo e la diffusione di attività sportive connesse alla pratica dello yoga, del pilates, della ginnastica del corpo, nonché l’attività didattica per l’avvio, l’apprendimento ed il perfezionamento delle medesime discipline praticate. Pratica e diffonde lo shiatsu e la riflessologia plantare. Inoltre, ha per finalità lo sviluppo delle varie discipline praticate nella Federazione e negli Enti di Promozione Sportiva a cui l’Associazione aderisce, intesa come mezzo di formazione psico-fisica e morale dei soci, mediante la gestione di ogni forma di attività agonistica, ricreativa o di ogni altro tipo di attività motoria e non, idonea a promuovere la conoscenza e la pratica delle varie discipline, per il miglior raggiungimento degli scopi sociali.

Città Metropolitana di Cagliari - Rete Indaco é un servizio di DM Cultura